Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti al loro uso.
Nell'Informativa sulla Privacy puoi leggere le istruzioni per l'eventuale disabilitazione.

Accetto | Maggiori Informazioni

Talent

Codice corso: 220480 Area: CORSI GRATUITI PER CHI LAVORA - ISCRIZIONI APERTE

Date: Iscrizioni Aperte Durata: 0 ore


SISTEMA DUALE
Imparare lavorando in Italia si può

La via italiana all’apprendistato in duale

Il decreto Interministeriale del 12 ottobre 2015 definisce gli standard formativi dell’apprendistato. Le Regioni hanno dovuto quindi adeguare i propri sistemi regionali affinché fossero recepite le disposizioni dell’apprendistato nel sistema duale e in particolare gli standard. La Toscana ha lavorato in un’ottica di governance di questo strumento, anche considerato che il processo di revisione e armonizzazione della disciplina regionale in materia di apprendistato coinvolgeva per forza una serie di soggetti istituzionali preposti a questo tema. Per cui è stato costituito un Gruppo Tecnico Inter-istituzionale tra Regione Toscana, Ufficio Scolastico Regionale e con il supporto di Anpal Servizi.

L’obiettivo è stato quello di andare a condividere la roadmap regionale per l’attuazione del Sistema Duale e definire modalità operative e l’articolazione dell’apprendistato nel sistema duale toscano.

La via italiana al sistema duale è stata attivata attraverso l’articolo 41 del Decreto Legislativo 81 del 15 giugno 2015. L’apprendistato in duale si divide tra primo livello (qualifica e diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore) e terzo livello (apprendistato di alta formazione e di ricerca).

Il primo livello si rivolge a giovani tra i 15 e i 25 anni di età e la durata è determinata in base alla qualifica o al diploma da conseguire: da una durata minima dì 6 mesi a una massima di 3 anni (è prevista comunque una proroga di un ulteriore anno per l’acquisizione di ulteriori competenze o in caso di mancato conseguimento del titolo – articolo 4, comma 2, dm 12/10/2015). È prevista anche la possibilità di attivare, al termine del contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, un nuovo accordo di apprendistato professionalizzante.

L’apprendistato di terzo livello o di alta formazione e ricerca è finalizzato all’acquisizione di una serie di titoli di studio da parte dell’apprendista come il certificato di specializzazione tecnica superiore ITS, il Diploma AFAM (Alta Formazione Artistica Musicale e coreutica), la Laurea triennale e magistrale, il Master di I e II livello, il Dottorato dì Ricerca, l’Attività di ricerca, il Praticantato per l’accesso alle professioni ordinistiche. In questo caso di rivolge a giovani dai 18 ai 29 anni. La durata è determinata in base al titolo da conseguire oppure, per il praticantato destinato all’accesso in un

Ordine professionale, in rapporto al conseguimento dell’attestato di compiuta pratica per l’ammissione all’esame di Stato.

Si tratta di un modello formativo integrato tra scuola e lavoro che fornisce ai giovani competenze più accurate alle esigenze produttive delle imprese, avvicinandoli al mondo del lavoro durante il loro percorso di istruzione e formazione.

La sperimentazione del Sistema Duale, consentirà a circa 60 mila giovani di poter conseguire una qualifica e/o un diploma professionale attraverso percorsi formativi che prevedono, una effettiva alternanza tra formazione e lavoro.

Quali sono i vantaggi per l’azienda?

  • Ridurre la distanza tra scuola e lavoro, tra quello che viene insegnato e il fabbisogno di competenze delle imprese.

  • Inserire in organico dei profili che vengono formati ad hoc eco-progettati nel loro percorso tra il datore di lavoro e l’istituzione formativa.

  • Sgravi retributivi, contribuitivi fiscali e incentivi economici erogati all’attivazione di questa tipologia di contratto. Per le ore di formazione esterna all’impresa c’è un esonero retributivo totale, per quelle di formazione interna all’impresa la retribuzione è pari al 10% di quella che normalmente sarebbe dovuta.

Quali sono i vantaggi per i giovani?

  • Guadagnare mentre si apprende, sviluppare le competenze professionali che occorrono ricevendo una retribuzione nello stesso momento!

  • Ottenere un titolo di studio, mentre si intraprende il percorso formativo/lavorativo.

  • Fare carriera, maturare un’esperienza in impresa è fondamentale e consente di ottenere un vantaggio competitivo.

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

PTP Start - Lucca ptp.start.lucca@gmail.com
Formetica Agenzia Formativa 0583/444284  366 721 8289 m.rocchi@formetica.it

 

Documenti associati

P.I. 01886580461 - C.F. e NUMERO DI ISCRIZIONE AL REGISTRO DELLE IMPRESE DI LUCCA: 92029170468 - Numero REA: 177687 - Capitale sociale: € 153.000,00 - tagmap